ATTENZIONE... IN QUESTO SITO SONO ARCHIVIATI I CONTENUTI DELLA RIVISTA DAL 2008 AL 2011. CLICCA SOPRA PER PASSARE AL NUOVO SITO. GRAZIE










Crescere in Qualità



CERTIFICATI E RESPONSABILI La certificazione di qualità ISO 9001:2008 ottenuta lo scorso aprile attesta il percorso di profondo rinnovamento messo in atto da Acma SpA (gruppo Coesia), e che ben presto coinvolgerà le altre realtà industriali collegate.  

Scrive Robert M. Pirsig nel libro Lo Zen e l’arte della manutenzione della motocicletta: «La Qualità è lo stimolo continuo con cui il nostro ambiente ci spinge a creare il mondo in cui viviamo». In termini aziendali, il concetto deve essere ovviamente tradotto in un’ottica meno astratta: così la “Qualità” diventa un metodo di lavoro che, attraverso l’applicazione di principi operativi e produttivi più efficienti, deve servire a soddisfare in maniera sempre più efficace le esigenze del cliente.

Al contempo, la ricerca della Qualità porta allo sviluppo di un ambiente professionale a misura d’uomo, in cui si perseguono politiche di collaborazione e il lavoro di squadra.
Acma Spa - azienda del gruppo Coesia - ha ottenuto la certificazione di qualità ISO 9001:2008 lo scorso aprile, a riprova dei sempre maggiori sforzi profusi per diventare un’azienda customer satisfaction oriented.
Un’operazione fortemente voluta dall’Am­ministratore Delegato, Jordi Jor­dana, nell’ambito del percorso di rinnovamento dell’azienda. Il processo di certificazione ha interessato sia gli sta­bilimenti di ACMA (Bologna, Pozzolo e Schio) sia la controllata M.C. Auto­mations. Inoltre, il management ha già dato l’impulso per certificare al più presto Tecnomeccanica e Tecnosweet, società controllate/collegate di Acma.

Condividere preziosi strumenti

La certificazione di qualità diventa uno strumento flessibile per migliorare i processi e i flussi comunicativi e operativi interni ed è il primo passo di un processo evolutivo continuo e costante di miglioramento. Infatti, in base ai principi della ISO 9001:2008, le norme per la certificazione devono tener in conto la concreta situazione dell’azienda, promuovendone il continuo miglioramento e non debbono essere un corpo formale astrattamente applicato.
Nel caso di Acma, questo significa che sono state tenute in grande considerazione le specificità e il bagaglio di competenze tecniche e gestione dei processi operativi che, in novant’anni di attività, hanno fatto grande l’azienda, e sono stati fatti interventi soltanto laddove si siano ravvisati effettivi margini di miglioramento. All’atto pratico, l’applicazione costante dei processi certificati comporterà la riduzione dei tempi di assemblaggio e collaudo delle macchine, un miglioramento dei flussi comunicativi interni ed esterni e, complessivamente, una maggiore attenzione a esigenze e bisogni dei clienti anche grazie a una struttura commerciale, diretta e indiretta, in grado di raccogliere e trasmettere informazioni accurate.
La corretta applicazione della metodologia per la gestione dei processi aziendali è sotto la responsabilità dei vari process owner, figure individuate all’interno dell’azienda in base alle effettive competenze relative ai processi assegnati.

Misurare il progresso

I miglioramenti conseguibili con la certificazione vanno misurati in base al principio che “ciò che non si misura, non esiste”. Per questo sono stati individuati indicatori specifici, espressione sintetica dei processi aziendali, come, per esempio, il numero di macchine consegnate secondo la tempistica prevista all’atto di stipulazione del contratto, i collaudi accettati senza riserve, le risposte ai problemi evase con soddisfazione del cliente finale… Infine sono previste costanti e periodiche azioni di monitoraggio, chiamate audit, che analizzano l’applicazione delle varie metodologie, indicando eventuali azioni di miglioramento. Il tutto con lo scopo di superare gli ostacoli lungo la strada dell’efficienza e dell’efficacia, valorizzando sempre più un percorso che, oggi come ieri, sta alla base della filosofia produttiva di Acma e Coesia.                 

Cambiare
anche sul web

Una testimonianza significativa del processo di rinnovamento in atto in Acma è la recente implementazione on line del nuovo sito web. Consultabile all’indirizzo www.acmagd.com, il sito è stato pensato per essere soprattutto “customer friendly”, illustrando il portafoglio prodotti dell’azienda a seconda del settore merceologico di riferimento: sei differenti core competencies (CB - Confectionery and Bakery, CW - Chocolate & Wafer, FF - Food Filling, SP - Soap & Powder, CF - Chemical Filling e TB - Tea Bags) rispecchiano infatti gli ambiti nei quali Acma può fornire soluzioni per il confezionamento. Il nuovo sito comprende una sezione dedicata ai più recenti comunicati stampa e alle newsletter, una press review che raccoglie gli articoli usciti sulla stampa e sui portali dedicati al packaging, e una sezione dove vengono citate le fiere a cui l’azienda parteciperà. Non manca un’approfondita descrizione della line up di macchine e soluzioni disponibili, tanto per il confezionamento di prodotti solidi che liquidi.


imballaggio rivista packaging