ATTENZIONE... IN QUESTO SITO SONO ARCHIVIATI I CONTENUTI DELLA RIVISTA DAL 2008 AL 2011. CLICCA SOPRA PER PASSARE AL NUOVO SITO. GRAZIE










Una buona fiera



Come sappiamo, nel 2009 molti progetti di investimento sono stati sospesi in attesa di vedere “come sarebbe andata a finire” e questo non ha risparmiato la codifica, dove i rallentamenti hanno riguardato anzitutto le nuove tecnologie digitali a getto d’inchiostro. Non stupisce, dunque, che la ripresa avviata nel 2010 abbia interessato anzitutto l’ink-jet, trainato dalla diffusione del DataMatrix e, più in generale, dallo sviluppo delle applicazioni legate alla comunicazione sul packaging: per la tracciabilità, la personalizzazione di imballi e PLV legati al singolo punto vendita, le azioni di marketing diretto (“la tua foto sul prodotto”).

Questa, in pillole, la visione del mercato di Eric Penne, direttore generale di Atlantic Zeiser Sas (Créteil, France), che sottolinea l’efficacia della strategia sposata dalla società, specializzata nella produzione di sistemi e tecnologie per la stampa digitale, la produzione di card e applicazioni di “digital coding & identification”. «Atlantic Zeiser - ricorda infatti il manager - da un lato ha investito notevoli risorse in marketing e comunicazione, con ritorni significativi in fatto di visibilità e posizionamento; dall’altro ha ampliato l’offerta e la capacità di risposta al mercato. Grazie a questo oggi ci troviamo in una posizione strategica, con un portafoglio prodotti che comprende soluzioni per tutte le esigenze e per tutte le tasche. E che combinano economicità e praticità con i plus tipici del digitale, e con la compattezza necessaria ad ampliare il parco tecnologie senza inserire nello stabilimento macchine grandi e molto costose».

A Emballage Atlantic Zeiser ha registrato più di 150 visitatori qualificati, chiudendo la fiera con soddisfazione. Confermata l’attenzione dell’industria per i sistemi anticontraffazione e - soprattutto nei settori cosmetico, farmaceutico, elettronico e dei beni di consumo fast-moving - il crescente ricorso ai dati variabili.
Particolare interesse ha suscitato la nuova soluzione anticontraffazione imperniata su un modulo Track & Trace che si può facilmente integrare in qualsiasi linea di stampa del packaging e permette di stampare codici di qualsiasi tipo: standard GS1, numerici, barcode mono o bidimensionali. Questo modulo include anche un sistema di controllo dei codici stampati. Sotto i riflettori anche i moduli Omega™ e Gamma™ per la marcatura, codifica e stampa di diversi materiali da imballaggio e le soluzioni end-to-end integrate Digiline™ Web, in demo live per dimostrare la loro efficacia, semplicità e qualità di stampa nella personalizzazione di etichette e imballaggi. La qualità di stampa, comparata all’offset, è garantita anche nella stampa di dati variabili su substrati difficili con una bassa adesione del colore.

imballaggio rivista packaging