ATTENZIONE... IN QUESTO SITO SONO ARCHIVIATI I CONTENUTI DELLA RIVISTA DAL 2008 AL 2011. CLICCA SOPRA PER PASSARE AL NUOVO SITO. GRAZIE










Tutta la Bellezza del mondo



Profumi che fanno tendenza e incarnano tutta la maestria della tradizione italiana; un’industria che cresce e moltiplica le iniziative di promozione; nuovi strumenti per competere in un contesto internazionale che non perdona distrazioni… Cosmoprof Worldwide Bologna e il Premio Accademia del Profumo offrono l’occasione per guardare da vicino come si muove un comparto sempre più consapevole delle proprie potenzialità.

Raccoglie i dadi e rilancia, l’industria italiana della bellezza, totalizzando un punteggio più che incoraggiante. Anzitutto sul piano economico, dove l’anno scorso ha totalizzato un fatturato di 8.485 milioni di euro (+4,7%) trainato da un export al +15% (circa 2.350 milioni) che ha generato un surplus della bilancia commerciale di oltre 690 milioni di euro.
Ma in gioco non ci sono solo fatturati. Il settore si sta muovendo in maniera proattiva anche sul piano dell’eccellenza di prodotto, della comunicazione e della promozione… Andiamo con ordine.
Nel nome della qualità, ricordiamo anzitutto che Unipro ha arricchito e ampliato il sito www.abc-cosmetici.it  con una nuova sezione scientifica dedicata al mondo della ricerca e all’innovazione cosmetica, curata dalla professoressa Carla Scesa (docente di cosmetologia dell’Università di Siena). La sezione ospita una panoramica degli studi e delle pubblicazioni scientifiche dedicate ai progressi della ricerca cosmetica e alle nuove idee tecnico-scientifiche che la animano.
Inoltre, gli studi di settore effettuati dall’associazione degli imprenditori Unipro, l’annuale appuntamento fieristico di Bologna, lo stesso premio Accademia del Profumo rappresentano altrettante occasioni per fare il punto su un comparto economico fashion e di rilievo - e per questo ambasciatore nel mondo delle eccellenza Made in Italy - che si sta costruendo un futuro sempre  più globalizzato.



A sostegno del comparto - Che non si tratti di vuoti propositi lo dimostrano diversi fatti concreti, grandi e piccoli, messi in campo dalle istituzioni più rappresentative e dinamiche del settore. Ne citiamo solo due per tutti.  Anzitutto lo sviluppo “della” fiera internazionale della bellezza: l’anno scorso, in un contesto economico ancora incerto e faticoso, Cosmoprof Worldwide Bologna ha chiuso con numeri in crescita: +4,88% i visitatori, +2% la superficie occupata, +0,26 il numero complessivo di espositori. E quest’anno rilancia anticipando le date (dal 18 al 21 marzo) e tornando a far coincidere, come alle origini, lo svolgimento di Cosmoprof e Cosmopack. Buona la risposta: gli espositori, al momento in cui scriviamo, sono 2.300 (+2% sul 2010) e occupano una superficie di 194mila mq (+5% rispetto ai 185mila dell’anno scorso).
Vediamo, poi, il moltiplicarsi degli eventi a sostegno del comparto, a partire dagli “altri” Cosmoporf organizzati da SoGeCos a Las Vegas, Hong Kong (che nel 2010 ha messo in campo 1.600 espositori di 40 paesi su 57.400 mq), Guangzhou e Istanbul. O, per restare più vicini, la presenza organizzata alla Milano Fashion Week, per attestare l’eccellenza dell’industria della bellezza in un contesto di prestigio internazionale, accanto alla moda, al food, al design…
L’obiettivo rimane, dunque, la promozione a tutto campo della filiera dei produttori italiani di materie prime e cosmetici, packaging e servizi in conto terzi, in un contesto competitivo dove, per farsi sentire, occorre “cantare” tutti insieme (e a gran voce). Come, per esempio, hanno ben capito  i francesi che quest’anno espongono a Bologna in una collettiva nazionale di 90 aziende (il 9% di quelle attive Oltralpe), su 1.256 mq articolati in 5 padiglioni, a sostegno di un’industria che presidia il 20% del mercato mondiale e realizza il 7,4% della produzione nel nostro paese.

Bologna “la” glamour - Coerenti con questa visione e questo approccio al mercato anche le molte iniziative messe in campo per conferire una visibilità e un respiro internazionale sempre maggiore ai contenuti di Cosmoprof Worldwide 2011.
Oltre alle alleanze strategiche siglate a supporto della vocazione di crescita in settori definiti (estetica, sposalizi e benessere), si moltiplicano gli eventi che danno lustro e fanno “audience”: la sfida fra i maggiori esperti mondiali in tecniche corporee che si confrontano nell’Esthetic Ring; la valorizzazione dei prodotti in mostra nell’area Love Nail; gli show On Hair dei più celebri hair stylist internazionali, 4 giorni di eventi, press day e presentazioni alla forza vendita nell’area riservata alle aziende più importanti della cosmesi (il CosmOff Privé), con party finale organizzato in collaborazione con Vanity Fair…
E, naturalmente, gli eventi che riguardano il packaging, a partire dalla mostra tecnologica Cosmopack che si sviluppa nei padiglioni 19 e 20 e che si riconferma punto di incontro fondamentale tra i fornitori di materiali e macchine per l’imballaggio cosmetico e i brand leader del lusso e della bellezza. Design, creatività, gestualità e nuove politiche di comunicazione dei prodotti presentati a Cosmoprof sono al centro del secondo Packaging Design Beauty Award (istituito da SoGeCos insieme ad AD Architectural Digest): una giuria internazionale svelerà i vincitori durante l’esclusivo BOD Dinner di venerdì 18 marzo.

Accademia 2011, oltre il concorso - Viaggi, macchine fotografiche, persino un’auto (il primo premio è una Fiat 500) sono messi in palio dal concorso Accademia del Profumo. Anche così si lavora a coinvolgere sempre di più i consumatori, chiamati a votare il miglior prodotto femminile e maschile del 2010 nei negozi e su Internet - chi vota partecipa all’estrazione - e che su Facebook possono fare online il test “Scopri il profumo della tua personalità”.
Ma non solo. Anche quest’anno i consumatori sono affiancati da altre due giurie: quella tecnica che deve designare il meglio in fatto di creazioni olfattive, prodotti Made in Italy e profumi nicchia; quella dei VIP che stabilisce le eccellenze in materia di packaging e comunicazione.
Come prima e più di prima, dunque, Accademia opera in due direzioni: stimolare l’attenzione, la fantasia e il coinvolgimento del pubblico, e valorizzare il ruolo della filiera della profumeria e i suoi protagonisti. Così a Cosmoprof i candidati al premio Accademia occupano la scena, non solo durante la cerimonia di premiazione in programma la sera del 18 marzo (e trasmessa in diretta streaming TV sul sito www.accademiadelprofumo.it), ma anche nello spazio polisensoriale allestito in fiera per valorizzare gli aspetti più intensamente emozionali della fruizione del prodotto.
In ballo c’è molto contenuto, culturale e tecnologico. Lo mostrano, ancora una volta, la qualità e l’impatto dei candidati al premio, cui dedichiamo ampio spazio su ItaliaImballaggio di marzo.

 

imballaggio rivista packaging