ATTENZIONE... IN QUESTO SITO SONO ARCHIVIATI I CONTENUTI DELLA RIVISTA DAL 2008 AL 2011. CLICCA SOPRA PER PASSARE AL NUOVO SITO. GRAZIE










L’etichetta e i suoi volti



Un buon Cosmopack, quello di Eurolabel, presente all’edizione 2011 della fiera bolognese con molte soluzioni update, a conferma del costante impegno in R&S che ha attestato l’etichettificio milanese come partner “proattivo” dell’industria dei beni di consumo.
Diverse le novità, presentate in uno stand sempre affollato, a partire dalla versione rivisitata e aggiornata di un interessante sistema anticontraffazione, di cui Eurolabel è il distributore esclusivo per l’Italia.
Sicurezza in una foto - Si chiama Original Check ed è un codice univoco, creato con un processo brevettato, del tutto casuale e non riproducibile, non assistito da computer o macchine a controllo numerico. Per questo motivo, a differenza della maggior parte delle tecniche anticontraffazione che si basano su metodi seriali, Original Check non può in alcun modo essere replicato, neppure dallo stesso soggetto che lo ha prodotto.
I codici ottenuti vengono letti e archiviati in un database apposito, per essere man mano applicati ai beni di consumo, identificati quindi in maniera univoca e certa. Chiunque e in qualsiasi momento può verificare l’autenticità del singolo prodotto: basta fotografare il codice, anche con un cellulare, e inviare l’immagine al server remoto via MMS, e-mail o con un collegamento al web via computer; il server compara l’immagine ricevuta con la banca dati e risponde in tempo reale, confermando o meno l’originalità dell’oggetto codificato.
Questo sistema è apprezzato per due ordini di vantaggi, di cui beneficiano da un lato i produttori e i distributori di beni e dall’altro i consumatori.
I primi possono garantirne la tracciabilità, senza dover effettuare investimenti in controlli o apparati di lettura e decodifica. Inoltre, stabilendo una relazione di fiducia fra brand e consumatore, possono sfruttarlo come strumento di  marketing, per veicolare campagne di raccolta punti, informazioni su nuovi prodotti, indagini di mercato e quant’altro richieda il coinvolgimento dell’utente finale. I consumatori, dal canto loro, riescono a verificare l’originalità di un acquisito in modo semplice e immediato.

“DE LEGN” … E NON SOLO Eurolabel ha presentato anche alcune novità in fatto di supporti e trattamenti. La più visibile e divertente, battezzata De-legn (dal dialetto milanese, “di legno”), è un’etichetta autoadesiva con il frontale costituito da una sottile impiallacciatura di legno di betulla o di ciliegio, adesivizzato su liner di carta glassine. Gestita senza problemi dalla maggior parte dei sistemi automatici di applicazione, può essere stampata in flexo, offset, serigrafia o digitale su HP Indigo fino a sette colori, e trattata con le varie tecniche di nobilitazione a caldo e a rilievo. Le venature del legno, sempre diverse, fanno di ogni etichetta un pezzo unico, oltre che un manufatto naturale ed ecologico per antonomasia. De-legn trova dunque logica applicazione da un lato nei vari segmenti dell’alto di gamma e dall’altro nel mondo dei prodotti artigianali e biologici.
Un cenno, infine, meritano le etichette serie IR.Idea dove IR sta per Iridescent Reflex, ottenute per accoppiamento con un film di poliestere trasparente iridescente. Realizzate in tre diverse tonalità, conferiscono grande impatto e distintività a una semplice etichetta di carta, e a un costo particolarmente contenuto.

imballaggio rivista packaging