ATTENZIONE... IN QUESTO SITO SONO ARCHIVIATI I CONTENUTI DELLA RIVISTA DAL 2008 AL 2011. CLICCA SOPRA PER PASSARE AL NUOVO SITO. GRAZIE










SPS/IPC/DRIVES Italia



Appuntamento ad alto valore tecnologico e formativo per il mondo dell'automazione industriale: in preparazione un ricco programma di convegni, forum e seminari per offrire ai visitatori soluzioni applicative concrete. A un mese dal debutto, l’edizione italiana di SPS/IPC/DRIVES (Fiera di Parma, 24-26 maggio 2011) ha già riscosso il favore delle aziende del mondo dell’automazione industriale, qualificandosi come l’appuntamento di riferimento per il mercato italiano. I dati lo dimostrano: 28.300 i metri quadri lordi occupati e 270 le aziende che fino ad ora hanno aderito all'iniziativa.

La caratteristica che colpisce immediatamente, guardando l'elenco degli espositori
di SPS/IPC/DRIVES Italia, è la qualità delle aziende coinvolte.
Come sottolinea Donald Wich, Amministratore delegato di Messe Frankfurt Italia: «Gli espositori hanno creduto nel formato innovativo della manifestazione, che si prospetta come un'occasione di lavoro congiunto di aziende, tecnici e operatori e che, attraverso la formula Fiera & Congresso, proporrà un nuovo modo di concepire e vivere questo tipo di evento. Alcune delle aziende presenti, come ad esempio Festo Spa, da anni non partecipavano a fiere nazionali. Il fatto che abbiano scelto di esporre a SPS/IPC/DRIVES Italia è una dimostrazione del valore di questa manifestazione».

A questo proposito Giorgio Crepaldi, Marketing Manager di Festo, afferma: «Negli ultimi anni abbiamo scelto di portare le nostre novità direttamente dal cliente con il mezzo mobile speciale ”Expotainer”. Tuttavia, i costanti risultati positivi delle edizioni tedesche riportati dalla nostra casa madre e l’articolato programma della prima edizione italiana di SPS/IPC/DRIVES hanno suscitato un particolare interesse per le ampie possibilità di entrare in contatto con un pubblico qualificato e specificamente interessato a temi quali la tecnologia elettrica e le soluzioni integrate d’automazione, che sono strategici per Festo. Riteniamo che l’evento sarà la giusta vetrina per presentare in Italia la piattaforma Festo per l’automazione integrata del XXI secolo».

La scelta degli organizzatori è stata di focalizzarsi sulla proposta di soluzioni applicative concrete, per offrire ai visitatori una fiera ricca di contenuti altamente tecnologici. Massimo Merli, General Manager di GE Intelligent Platforms Italia, dichiara: «Per noi è importante dare evidenza alle soluzioni OEM dedicate al packaging, all'handling e all'assembly, particolarmente strategiche per GE in Italia. Siamo convinti che SPS/IPC/DRIVES Italia possa essere un buon contesto dove le nostre soluzioni possano trovare il giusto risalto. Parma e l'Emilia in generale sono inoltre un territorio sicuramente recettivo a questo tipo di applicazioni e ci attendiamo dei buoni riscontri e grande interesse da parte de visitatori».

La fiera ha raccolto il supporto e la collaborazione non soltanto delle principali associazioni di riferimento per le aziende espositrici - in particolare Anipla, Gisi, AIS, Assodel e Anie-Assoautomazione, quest'ultima coinvolta anche nel Comitato scientifico di SPS/IPC/DRIVES Italia - ma anche di quelle che operano nei settori di maggior interesse per i visitatori, tra cui Aiman, Aidic, Animp, Ucima, Acimga e Acimit. La sinergia di queste molteplici forze ha senz'altro aumentato il valore della manifestazione, soprattutto per quanto riguarda la definizione dei contenuti del programma convegnistico.

I convegni svolgeranno infatti un ruolo formativo e informativo fondamentale all'interno della fiera. I contributi dei relatori saranno ad alto contenuto scientifico, orientati ad applicazioni pratiche nel mondo industriale. Sono state privilegiate le memorie che propongono soluzioni particolarmente innovative e all’avanguardia, dando il massimo rilievo a case history in grado di rispondere alle reali esigenze degli operatori.
Queste le tematiche affrontate nei convegni:
• identificazione industriale/RFID/tracciabilità;
• industrial communication;
• msurazione e miglioramento dell’efficienza e diagnostica produttiva;
• motion control;
• safety and security nell'automazione.


Oltre ai convegni, la fiera offrirà un vasto programma di forum, uno spazio dedicato non solo alla presentazione di prodotti e novità, ma soprattutto all'incontro con i visitatori, dove avere l'opportunità di scambiare opinioni, competenze ed esperienze di successo.
Aziende del calibro di Schneider Electric, Progea, Bosch Rexroth, Sisav, Pamoco, Omron, EFA Automazione, Festo, Beckhoff, Mitsubishi, Siemens, Sitek, Sick, Reer, Esahmi, Softing Italia e Genoa Fieldbus Competence Centre hanno scelto di presentare i propri prodotti all'interno dell'Area Forum.
Il programma aggiornato di convegni e forum può essere consultato online.

Nel padiglione 4, dedicato istituzioni, alla stampa di settore e alle iniziative speciali, trova spazio anche il progetto "Linking University", che accoglierà alcune delle più prestigiose Università e Istituti superiori italiani impegnati nella ricerca sull'automazione industriale. L'obiettivo è creare uno spazio di collaborazione tra OEM, costruttori e mondo universitario in un'ottica di collaborazione e di sviluppo che consenta all'Italia di mantenere e se possibile incrementare la sua posizione di leadership nelle macchine automatiche di confezionamento.Hanno già aderito Università di Bologna, Università di Brescia, Politecnico di Torino, Università di Genova, Politecnico di Milano, Università di Modena e Reggio Emilia, Università di Parma.

La registrazione a SPS/IPC/DRIVES Italia è attiva sul sito. La procedura è obbligatoria e permette di velocizzare l'accesso gratuito in fiera.

SPS/IPC/DRIVES Italia è anche su
Twitter e su LinkedIn

imballaggio rivista packaging