ATTENZIONE... IN QUESTO SITO SONO ARCHIVIATI I CONTENUTI DELLA RIVISTA DAL 2008 AL 2011. CLICCA SOPRA PER PASSARE AL NUOVO SITO. GRAZIE










Industria & Strategie



Giochi senza frontiere

MG2 gioca con fantasia e oculatezza la partita della globalizzazione, puntando a vincere con il Made in Italy: magari anche progettando in Italia e producendo in Cina, per contrastare la guerra dei prezzi di indiani e coreani.

Cosa vuol dire per MG2 essere un player di livello internazionale? Significa realizzare, per una delle maggiori multinazionali a livello mondiale, un’opercolatrice da 250mila capsule/h provvista di sistema a contenimento, funzioni wash-in-place e di un sistema integrato in macchina che controlla al 100% il peso netto dosato di tutte le capsule prodotte e mantiene il processo sotto controllo.



In fiera, insieme

Manzoni Costruzioni Meccaniche e Timec hanno deciso di partecipare a Emballage “last minute” condividendo lo stand, a sottolineare le sinergie fra le due imprese sul piano commerciale, produttivo, degli acquisti.

Specializzate nella costruzione, rispettivamente, di macchine per la stampa flessografica e di insacchettatrici e termosaldatrici per sacchi e buste di film plastico, a Parigi le due aziende si sono presentate un po’ per calcolo - la Francia è un gran mercato - e un po’ per sfida, per verificare possibili aperture di business in segmenti del mercato fino ad oggi poco frequentati.
«La crisi - commenta al proposito Mauro Manzoni, titolare dell’omonima impresa di Alzano Lombardo (BG) - non è finita: il bisogno e la voglia di investire ci sono ma permangono le difficoltà a trovare finanziamenti. Questa edizione di Emballage, dunque, è interessante anche perché chi ci investe tempo e denaro, ha progetti concreti da perfezionare, e dunque rappresenta un buon contatto. Inoltre noi qui incontriamo, anche fra gli altri espositori, molti potenziali clienti di settori diversi, magari di nicchia, presso i quali ci siamo attestati come fornitori di riferimento - come per esempio gli stampatori di sacchetti per il pane».



L’imballaggio? Da promuovere!

Buona fiera, l’ultimo Emballage, per il gruppo Goglio (Daverio, VA) che ha registrato una quantità di visite in linea con le aspettative e un’organizzazione dell’evento che, a giudizio di Laura Riva (Direttore Risorse Umane e Comunicazione dello storico converter italiano), ha migliorato la definizione dello spazio e delle aree merceologiche.



EUROSTAMPA

Industria Grafica Eurostampa è specializzata nella produzione di etichette di alta qualità. Basata nel cuneese (la sede è a Bene Vagienna), dunque in una delle regioni italiane a maggiore vocazione vinicola, l’azienda a capitale familiare, sta vivendo un momento favorevole. «Siamo fornitori storici dei grandi marchi di vino e champagne - spiega Luca Bonavia, area manager Europe della società - e ora stiamo valutando possibili aperture di business nel settore cosmetico, dove le capacità che abbiamo maturato nel tempo possono essere ben valorizzate.



Packaging Division di Curti SpA

CURTI L’ottimismo della ragione guida Marie Anne Prat - area sales manager alla Packaging Division di Curti SpA - sulla strada della fiducia: «La domanda ha ripreso quota, gli ordini non ancora. Ma poiché oggi non si visita una fiera se non con seri propositi di investimento - e quest’anno a Emballage il pubblico non manca - anche gli ordini arriveranno». In fiera, fra l’altro, un’incartonatrice della serie C11 per scatole e display box, progettata per i settori cosmetico e farmaceutico ma apprezzata anche nell’alimentare e nella chimica.



COMIZ PACKAGING

COMIZ PACKAGING In primo piano, allo stand allestito con cura per sostenere Comiz France, la linea di form fill seal verticali della società vicentina (di Torrebelvicino). Che investe sia sul prodotto sia in promozione: «Perché la crisi si risolva completamente ci vorranno ancora un paio d’anni e, in questo lasso di tempo, il mercato si conquista con uno “sprint” in più» hanno sottolineato in fiera.



CDS E VIROPLASTIC

CDS E VIROPLASTIC Il 2009? Un anno record - nel bene e nel male - e il 2010 ha tenuto lo stesso ritmo. Giovanni Paolo Rai, direttore finanziario di CDS e Viroplastic, chiarisce subito:



In nome del nuovo

Elettric 80 fornisce soluzioni automatizzate chiavi in mano per la gestione del fine linea, logistica di magazzino, spedizione (integrati da un sistema di gestione magazzino, WMS). Tra gli ultimi prodotti sviluppati, ricordiamo il robot Dragon che, flessibile e ad alta velocità, non ha limiti nella preparazione dello strato. Si adatta a tutti i settori produttivi e ai veicoli a guida laser (LGV) di 4a generazione serie CB, che possono lavorare con grande precisione fino a 11 m di altezza in totale sicurezza. Nato nel 1994, Freeway® è stato invece il primo sistema robotizzato totalmente integrato di palettizzazione e movimentazione a terra con veicoli a guida laser, completo di sistema di etichettatura, tracciabilità prodotto e monitoraggio tramite PC.



Un’offerta sempre più sostenibile

Alla tavola rotonda intitolata "Automazione e sostenibilità, valutazione etica ed economica", moderata da Enrico Pagliarini di Radio 24 (Il Sole 24Ore), hanno partecipato i rappresentanti di importanti aziende del settore automazione, che esporranno al prossimo SPS/IPC/DRIVES Italia.



Mettersi in gioco

Cama cresce, e cresce bene. Lo dicono i fatti e i bilanci di un’azienda privata con un “cuore di famiglia”, dove però manager, maestranze e fornitori sono ingranaggi preziosi di un meccanismo ben oliato.  



Una living organization

Con Living Organization il Gruppo Gerosa ha sviluppato e applicato una comunicazione a tutto campo, attiva e dinamica, che consente agli attori della filiera alimentare, clienti, fornitori, aziende partner ed enti sociali, di migliorare i singoli processi della propria attività per assicurare gli standard di qualità e fornire un prodotto e un servizio di livello superiore.

Living Organization diventa il principio di base sul quale ruota l’intero processo produttivo del Gruppo e delle sue aziende partner. L’alta condivisione di valori permette di sviluppare relazioni solide e costruttive che consentono di instaurare un processo di fidelizzazione concreto e di lunga durata tra tutti gli attori della filiera, partendo dai fornitori. Valori quali il rispetto dell’ambiente e dei requisiti igienico-sanitari, la valutazione dei rischi, l’ottimizzazione delle risorse permettono di offrire elasticità e velocità di risposta alle richieste dei clienti, nonché garanzie in termini di mezzi, controlli e standard produttivi.



Crescere in Spagna

CAPSULE Enoplastic progetta un futuro ancora più internazionale e apre in Spagna. Per servire da vicino la vivace industria vitivinicola locale e promuovere prodotti e tecnologia Made in Italy. E.P.

Nuova società manifatturiera per il gruppo Enoplastic. L’azienda varesina (la sede centrale è a Bodio Lomnago) ha da poco inaugurato in Spagna la Escap Cápsulas, operativa nella regione spagnola del Penedés tra Barcellona e Tarragona. È qui che viene prodotto il Cava, ovvero lo “champagne” spagnolo, realizzato con metodo tradizionale in quantità che superano i 300 milioni di bottiglie all’anno. Ed è da qui, dunque, che Escap presidia il mercato locale con i propri capsuloni, oltre a promuovere le capsule termoretraibili, i tappi sintetici enoPE ed eno+ su cui ha avviato i primi test e i tappi a vite 30x60 (incluso il modello speciale Doubleseal).



Flexible benefit: l’azienda risparmia e i dipendenti sono felici

I modelli alternativi di retribuzione del lavoro dipendente, che sfruttando la leva fiscale e i benefit utili ai dipendenti, determinano un risparmio fiscale per l’azienda e miglioramenti nel clima aziendale.

Molte aziende stanno approcciando forme non convenzionali di retribuzione del lavoro dipendente, i “flexible benefits”: si tratta di schemi di retribuzione flessibile, sviluppati negli USA nell’ambito delle cosiddette politiche di welfare aziendale, e stanno suscitando molto interesse anche in Italia, grazie al regime fiscale e contributivo favorevole.



Pratica e grammatica

Un buon sistema di Controllo di Gestione (CdG) costituisce il vero know how dell’azienda, una risorsa importantissima e preziosa. Non lo si veda, dunque, come una seccatura fatta di procedure, fogli elettronici e database.
È, viceversa, la grammatica del linguaggio aziendale.
Una Direzione Generale che sappia il proprio mestiere lo userà per ascoltare e parlare con la proprietà, con la direzione commerciale, con la produzione, la finanza aziendale, le banche, i consulenti, gli investitori. I budget, elaborati sulla base del CdG, diventeranno documenti sensati, capaci di suggerire con la forza dell’evidenza logica anche la strada per raggiungere gli obiettivi. Un CdG, insomma, dovrebbe essere progettato come un solido “tavolo a quattro gambe”.



Capsule: crescere in Spagna

CAPSULE Enoplastic progetta un futuro ancora più internazionale e apre in Spagna. Per servire da vicino la vivace industria vitivinicola locale e promuovere prodotti e tecnologia Made in Italy.

Condividi contenuti
imballaggio rivista packaging