ATTENZIONE... IN QUESTO SITO SONO ARCHIVIATI I CONTENUTI DELLA RIVISTA DAL 2008 AL 2011. CLICCA SOPRA PER PASSARE AL NUOVO SITO. GRAZIE










Approfondimenti



Prezzi, prodotti e clienti. Da dove si parte?

Quando un consulente parla di teoria dei prezzi con i “capiazienda” responsabili del conto economico, spesso si rende conto di ottenere di rimando osservazioni poco convincenti, non completamente libere, come se un ingombrante “non detto” togliesse loro la tranquilla serenità che caratterizza chi conosce davvero il terreno su cui deve muoversi.



Qualità dell’innovazione

Innovare significa letteralmente “immaginare e realizzare qualcosa che abbia una certa utilità e che abbia caratteristiche distintive, capaci di fare la differenza nelle prestazioni di prodotti, processi e del relativo business, generando valore all’interno e all’esterno dell’Organizzazione”.
di Costante Pinelli*



Il ruolo strategico del prezzo

Il prezzo rappresenta la leva più efficace e importante nella strategia di marketing di un’impresa: da una parte è il più potente ed efficace strumento di comunicazione del valore, dall’altra gioca un ruolo essenziale nella formazione della redditività aziendale. Nell’industria, per esempio, i margini sono in genere talmente limitati che un aumento di prezzi del 3%, ma anche del 2% o dell’1%, senza diminuzione del volume permette di incrementare fortemente la redditività.



Il potenziale di acquisto: cosa si può fare in concreto.

Abbiamo discusso in una recente nota l’importanza di studiare con costanza ed attenzione il problema del potenziale di mercato. Abbiamo sottolineato come il potenziale di acquisto sia un parametro essenziale per classificare un cliente e abbiamo fatto notare che, combinandolo con l’utile generato, si possono costruire delle utilissime mappe strategiche di orientamento.



La gestione del rischio nelle PMI: le garanzie a tutela della continuità aziendale

Spesso sottovalutate o, peggio, sconosciute sono le coperture assicurative per garantire la continuità aziendale. Che, invece, in un clima di incertezza generale, dovrebbero essere prese in considerazione per limitare i rischi.

La gestione del rischio (risk management) è il processo mediante il quale si misura o si stima il rischio e, in seguito, si sviluppano le strategie per governarlo.
Senza entrare in disquisizioni accademiche risulta intuitivo che poter limitare i danni (rischi) derivanti da eventi che possono verificarsi durante la vita di una impresa risulta (oggi più che mai) fondamentale.



Il potenziale dei clienti, bello e... possibile

Misurare il Potenziale di Acquisto (POA) dei clienti è il sogno proibito di tutti i capi azienda, specie se si occupano direttamente dei mercati.

Non si tratta però di una cosa così facile. Esistono molti modi di definire il POA e ci sono incertezze su cosa misurare veramente nelle indagini di mercato.
Se restiamo nel mondo pratico delle aziende possiamo cominciare col dire che il POA coincide con il potenziale di mercato nel breve periodo.



FAQ sul contatto alimentare

Idoneità alle liste positive di materie plastiche e rispetto delle restrizioni specifiche

Oltre che sulle modalità di controllo dell’idoneità, il principio della normativa dei materiali destinati al contatto con alimenti si basa sulle cosiddette “liste positive” delle sostanze autorizzate (con eventuali restrizioni) per la produzione di tali materiali. Il fatto che un composto sia presente in tali liste implica che sia stato valutato dal punto di vista tossicologico.



Fare gli italiani

 […] La memoria degli eventi che condussero alla nascita dello Stato nazionale unitario e la riflessione sul lungo percorso successivamente compiuto, possono risultare preziose nella difficile fase che l’Italia sta attraversando, in un’epoca di profondo e incessante cambiamento della realtà mondiale. Possono risultare preziose per suscitare le risposte collettive di cui c’è più bisogno: orgoglio e fiducia; coscienza critica dei problemi rimasti irrisolti e delle nuove sfide da affrontare; senso della missione e dell’unità nazionale […].*

Testi a cura di Luciana Guidotti, Elena Piccinelli

Non stupisca l’incipit. Fuori di polemica, per commentare i risultati della nostra Indagine Italiani a interpack, abbiamo semplicemente voluto proporre in apertura di servizio le parole del Presidente della Repubblica, Giorgio Napoletano (che tanto e generosamente si è speso nell’anno del Centocinquantenario dell’Unità d’Italia), perché sottolineano un fattore a nostro parere decisivo anche per le sorti dell’industria nazionale: la necessità della coesione, tanto più importante oggi quando il mondo che ci circonda è, per certo, ricco di promesse per il futuro ma anche gravido di incognite.



Il Corporate Barter

È una moderna modalità di compravendita (trading) fra imprese, che affonda le proprie radici nella consolidata tradizione e proietta la sua operatività nei mercati del futuro, adottando tecniche, controlli e sistemi di gestione aggiornati e  in costante evoluzione.

Guidato da leggi (art.1552 e seguenti del C.C, e DPR che ne regolano specificamente la fiscalità) e pertanto pienamente operativo su tutto il territorio italiano e all’estero, il contratto di countertrade - comunemente chiamato barter - è quello che maggiormente si avvicina allo schema della permuta, dato che consiste in uno scambio reciproco di beni o servizi con la possibilità solo eventuale di un ridotto conguaglio in denaro.



Imparare a distinguere i clienti (2)

Misurare l’utile per cliente non è un sogno impossibile. Nella Sfera di Cristallo del numero scorso abbiamo parlato dell’importanza di basare la politica commerciale sulla solida conoscenza dei costi diretti di prodotto, concludendo peraltro che... non bastava. È necessaria infatti una conoscenza non meno accurata dei costi che ogni cliente genera all’azienda per il fatto di essere rifornito, conosciuto, assistito e “coccolato” come tutti i clienti ormai pretendono.



Tutta la Bellezza del mondo

Profumi che fanno tendenza e incarnano tutta la maestria della tradizione italiana; un’industria che cresce e moltiplica le iniziative di promozione; nuovi strumenti per competere in un contesto internazionale che non perdona distrazioni… Cosmoprof Worldwide Bologna e il Premio Accademia del Profumo offrono l’occasione per guardare da vicino come si muove un comparto sempre più consapevole delle proprie potenzialità.



IMBALLAGGIO: PROBLEMA O RISORSA?

Un confronto aperto sul valore reale dell’imballaggio nella nostra società. La percezione dei consumatori e le risposte tecnologiche dell’industria in un contradditorio a due voci, che porta, fortunatamente, a una conclusione comune: solo l’informazione corretta sarà la chiave di volta per un uso responsabile dell’imballaggio. Tutti sono chiamati a contribuire. Cino Serrao intervista  Antonio Longo, Presidente del Movimento difesa del cittadino e Vermondo Busnelli, Presidente dell’Istituto Italiano dell’Imballaggio.(Marzo 2010)



CRISI STRUTTURALE O CRISI CONGIUNTURALE? LE PROSPETTIVE DEL SETTORE A MEDIO-LUNGO TERMINE, DAL PUNTO DI VISTA DEL SOCIOLOGO

Intervento di Enrico Finzi (Presidente di Astra Ricerche) al convegno annuale Gifco (Gruppo Italiano Fabbricanti Cartone Ondulato - Assografici), Camogli, 15 e 16 maggio 2009

Condividi contenuti
imballaggio rivista packaging