ATTENZIONE... IN QUESTO SITO SONO ARCHIVIATI I CONTENUTI DELLA RIVISTA DAL 2008 AL 2011. CLICCA SOPRA PER PASSARE AL NUOVO SITO. GRAZIE










Cosmofarma



Italian beauty nel mondo

Bando alle frivolezze: la bellezza italiana è frutto di innovazione, creatività e qualità. L’industria che la “produce” rappresenta una voce importante dell’economia del nostro Paese. In attesa di Cosmoprof Worldwide Bologna 2011  - che, come si sa, quest’anno gioca d’anticipo dal 18 al 21 marzo e ritorna a far coincidere le date dello svolgimento di Cosmopack - il “made in Italy” dell’industria cosmetica  ha chiuso un buon 2010, puntando a valorizzare le proprie eccellenze e a scoprire ulteriori potenzialità di crescita. 



Bio beauty

Garanzia di qualità Il marchio Beauty Challenger Awards ha suscitato l’interesse del grande pubblico e degli operatori del biologico, sostenuto dal successo commerciale delle aziende che se ne sono fregiate lo scorso anno (66º30, Aïny, Fleurs de Bach, Absolution).

Per gli scopritori di nuovi talenti è un appuntamento da non perdere, e per i visitatori di Cosmeeting Beyond Beauty Paris (Itec France) l’evento clou della fiera. Il motivo risiede, concretamente, nella sua efficacia: il concorso per la conquista dei Beauty Challenger Awards rappresenta un efficace trampolino di lancio e un moltiplicatore di visibilità per i prodotti e le imprese che si affacciano al mercato. Giunto all’ottava edizione, anche quest’anno ha riempito la sala che ospitava la cerimonia di premiazione, il 13 settembre scorso al quartiere espositivo di Porte de Versailles. Tendenza vincente dell’anno: il biologico. Ad essa si è ispirata l’assoluta maggioranza dei 65 candidati all’edizione 2010, passati al vaglio da una duplice giuria composta dai buyer della distribuzione e da una cinquantina di esperti internazionali in rappresentanza della stampa femminile e dei blog. Di seguito i premiati.



Tintura per capelli in 12 step

Da oltre vent’anni Colomer Italia si affida alla tecnologia di Romaco Unipac per riempire i tubi di tinture per capelli. Compito non facile dato che, tra l’altro, processa ben 388 tonalità del proprio prodotto di punta, destinato al mercato italiano ma anche ai mercati europei ed extra europei. Il sistema, in linea con l’astucciatrice Romaco Promatic, raggiunge una produzione di 100 tubi/minuto.
Vasco Mazzotti, Marco Mandrioli

Dall’hennè all’indaco, dai pettini di piombo bagnati nell’aceto ai primi coloranti chimici comparsi alla fine del XIX secolo: in pratica da sempre, le persone hanno amato cambiare il proprio aspetto tingendosi i capelli, con metodi e prodotti diversi e oggi, nei paesi industrializzati, si stima che il 40% delle donne faccia ricorso a questa pratica di bellezza. Lo sviluppo di prodotti per la cura e per la tintura dei capelli rientra tra le competenze del Gruppo Colomer di Barcellona, fondato nel 1934 dal barbiere catalano José Colomer. A livello mondiale il gruppo impiega oltre 2.200 dipendenti in 5 stabilimenti di produzione dislocati in Europa, Nord e Centro America e in molti uffici vendita.



Z47AgTube Sterilizing System

Presentato ufficialmente a maggio 2010, Scandolara ha sviluppato e brevettato un tubetto di plastica di concezione innovativa. Si tratta di Z47AgTube Sterilizing System, dove l’argento metallico in dimensioni nanometriche addizionato in mescola assicura un effetto germicida duraturo, prevenendo nel tempo la contaminazione del contenuto.

Pensato in prima battuta per il settore farmaceutico ma adatto anche a quello cosmetico, Z47AgTube Sterilizing System potrebbe in futuro aprire prospettive interessanti anche in campo alimentare. Rappresenta, in effetti, un risultato di rilievo a cui Scandolara è giunta dopo due anni di lavoro condotto in collaborazione con ricercatori universitari esperti in nanotecnologie.



Blisteratrice

La società O.M.A.R. ha presentato la blisteratrice “Fantasy st” che consente di realizzare, da fogli pretagliati, blister in materiale plastico con copertura in alluminio o altro materiale e blister ALU/ALU.



Opercolatrice plug&play

MG2 Srl di Pianoro (BO) realizza dosatrici e confezionatrici automatiche per prodotti farmaceutici e cosmetici. Due le proposte in fiera.



Intubettatrici e fardellatrici

Numerose le proposte di IMA Group per il processo e il packaging di prodotti farmaceutici. Tra queste ne segnaliamo alcune.



Riempitrici, intubettatrici e astucciatrici

Le aziende italiane del gruppo Romaco hanno presentato diverse soluzioni per il confezionamento e il riempimento di prodotti cosmetici e farmaceutici. Riportiamo le caratteristiche principali dei sistemi proposti a Pharmintech.



Confezionamento farmaci e tracciabilità

Marchesini Group (Pianoro, BO) ha presentato in fiera alcune linee complete in grado di rispondere a qualsiasi esigenza di confezionamento di prodotti liquidi, solidi e di creme.



Produrre e confezionare dispositivi medicali

Avviare la produzione di un medical device può rappresentare una scelta strategica di ampio respiro, ma al tempo stesso richiede competenze e attrezzature specifiche, che comprendono una cultura e un senso della responsabilità adeguati.  Per questo motivo la divisione Health & Beauty di C.O.C. Farmaceutici - contract manufacurer del gruppo Lameplast - ha perseguito, e raggiunto, l’obiettivo della certificazione ISO 13485 e oggi può garantire la qualità del flusso di lavorazioni anche in quest’ambito specifico, compiendo così un passo ulteriore sulla strada della qualità totale dei processi e dei prodotti, imboccata 15 anni fa dal gruppo emiliano.



Macchine asettiche BFS

Rommelag AG ha proposto Bottelpack®, una nuova generazione di macchine Blow-Fill-Seal (BFS) costruita dall’azienda di Buchs (CH) su progetto modulare. Provviste di una zona di riempimento integrato di classe A, possono essere costruite secondo la soluzione dark/white, separando lo spazio di riempimento dalla parte meccanica.



Verso un futuro più’ sicuro

NANOTECNOLOGIE PER IL PACK Scandolara ha sviluppato un tubetto di plastica di concezione innovativa. Si tratta di un contenitore destinato a far rumore nel mondo dell’imballaggio e, probabilmente, a incidere tanto sulle modalità di produzione quanto su quelle di consumo di prodotti farmaceutici e/o cosmetici: l’argento metallico addizionato in mescola assicura infatti un effetto germicida duraturo, prevenendo nel tempo la contaminazione del contenuto. (Luglio/Agosto 2010)



Tubetto ad azione germicida

Il Gruppo Scandolara, azienda italiana leader di settore, fabbrica tubetti dal 1919. Con importanti insediamenti produttivi in tutta Europa, sceglie l’Italia per presentare un contenitore di nuova generazione, destinato a far rumore nel mondo dell’imballaggio e a incidere sulle modalità di consumo. È stata infatti la fiera Pharmintech (12-14 maggio, Bologna 2010) a ospitare una première d’eccezione.



MG2

L’azienda di Pian di Macina di Pianoro (BO) presenta in anteprima mondiale AlterNova, un’innovativa opercolatrice a movimenti alternati che consente di passare da una produzione di 45.000 a 180.000 capsule/h in qualsiasi momento. Può dosare qualunque forma farmaceutica orale, solida o liquida, e può ricevere fino a 4 gruppi di dosaggio in contemporanea, offrendo una delle più ampie possibilità di combinazioni di dosaggio presenti sul mercato per un’opercolatrice alternata. Affidabile e facile da utilizzare, AlterNova è la sintesi perfetta della filosofia “high value, low cost”.



Marchesini Group

In uno stand di 100 metri quadri (Pad. A3, stand 080), Marchesini Group espone due versioni dell’etichettatrice BL400XL, prodotta da Neri, macchina che lavora a una velocità di 400 astucci/min. e che consente l’applicazione di codici per la tracciabilità dei prodotti farmaceutici (“track & trace”) e di etichette combinate in vario modo.

Condividi contenuti
imballaggio rivista packaging