ATTENZIONE... IN QUESTO SITO SONO ARCHIVIATI I CONTENUTI DELLA RIVISTA DAL 2008 AL 2011. CLICCA SOPRA PER PASSARE AL NUOVO SITO. GRAZIE










Tre in una



Come combinare un sistema di marcatura e visione a un controllo peso, ottimizzando lo spazio in linea? Da Thermo Scientific arriva una soluzione integrata, che prevede tutte le funzioni in un’unica macchina.

Fermo restando che il settore farmaceutico vive uno sviluppo intenso e costante, deve anche affrontare problematiche complesse, legate in primis alla qualità e alla sicurezza dei prodotti, per non parlare della contraffazione.
Le aziende farmaceutiche sono dunque chiamate ad adottare strumenti evoluti - già disponibili peraltro - per garantire l’originalità dei medicinali, in un’ottica di rispetto dei consumatori. Le tecnologie di track & trace rientrano ovviamente in questo ambito, dato che ogni confezione di farmaco (idealmente ogni unità dosata) può essere identificata con un codice univoco utilizzato per tracciarne la provenienza dalla fabbrica fino alla prescrizione. Già diventato norma di legge in molti paesi, il principio sta trovando ampia diffusione e fa ricorso al codice GS1 come standard di identificazione globale e inequivocabile.
Thermo Scientific (a Parma, Thermo Ramsey Italia Srl, specializzata nella produzione di selezionatrici ponderali, rilelatori di metalli e sistemi di ispezione a raggi X per prodotti confezionati), non si è fatta trovare impreparata e, per risolvere queste problematiche, ha ideato una soluzione integrata.

Partiamo dall’inizio
Su ogni confezione viene stampato il DataMatrix (2D), un codice ad alto contenuto di informazioni (nome prodotto, numero progressivo, data di scadenza, lotto di produzione, ecc.). 
La stampa a 600 dpi viene eseguita da una stampante speciale alla velocità di 400 confezioni/min.
Successivamente, il codice viene letto da una telecamera che lo confronta con il lotto riportato nel database.
Il codice può essere poi tracciato a livello di fardellatura, incartonamento e palettizzazione. Tutti i dati vengono raccolti in un database SQL e i report possono essere messi a disposizione per eventuali controlli legislativi. La posizione ottimale per la stampante che deve inserire il codice sul cartone è sull’astucciatrice ma, nel caso non fosse possibile, è consigliabile che la stampa avvenga subito dopo l’astucciamento, dove è quasi sempre posizionato un controllo peso.

Una stazione combinata - Il punto di forza della proposta Thermo Scientific è quello di non offrire stazioni isolate di track & trace, bensì un’unica macchina dotata di una stazione combinata di marcatura, verifica e controllo peso. Ciò consente di evitare modifiche alle linee esistenti, offrendo vantaggi sia in termini di spazio sia di costi. Allo scopo di garantire un posizionamento preciso dell’astuccio per la stampa è previsto uno speciale trasportatore.
I sistemi di controllo peso realizzati da Thermo Scientific (modelli Versa GP o Versa Rx Pharma, vedi foto) possono essere normalmente utilizzati in applicazioni farmaceutiche. Si tratta di macchine veloci e precise, fornibili nella versione track & trace integrando le unità di stampa e di visione prodotti da diversi costruttori, e raggruppando inoltre i controlli delle differenti apparecchiature in un unico pannello operatore.   

SFOGLIA ONLINE LA RIVISTA                               

imballaggio rivista packaging